Quadro elettrico: cos'è e quali sono i suoi componenti

Il quadro elettrico è l'elemento attraverso cui si esercita un controllo totale sull'impianto elettrico. Esso comprende diversi interruttori, ognuno dei quali svolge una funzione assolutamente essenziale per l'utilizzo dell'impianto e in generale per la sicurezza degli abitanti della casa.
Il quadro elettrico si trova quasi sempre in prossimità della porta d'ingresso di una casa, all'interno o all'esterno, e in genere trova posto accanto al contatore.

Quali sono le componenti di un quadro elettrico?

Il quadro elettrico contiene interruttori di grandezza e colori differenti. In genere il primo interruttore, colorato diversamente rispetto agli altri, è l'interruttore generale. Alzando o abbassando questo interruttore si potrà interrompere l'erogazione di elettricità a tutto l'impianto elettrico della casa.
Se il quadro elettrico è particolarmente grande e complesso può presentare interruttori generali ulteriori, in grado di attivare l'erogazione di energia elettrica ai vari piani di un edificio.
Dopo gli interruttori generali è collocato l'interruttore salvavita, il cui nome tecnico è interruttore differenziale. Questo interruttore ha la funzione di interrompere l'erogazione di energia elettrica in caso di pericolo o di semplice sovraccarico.
Dopo l'interruttore salvavita trovano posto diversi interruttori uguali tra loro. Ognuno di questi interruttori controlla uno dei circuiti che compongono l'impianto. In genere, infatti, il circuito delle prese è diverso dal circuito dell'illuminazione, che è diverso da quello dei condizionatori e così via.
La suddivisione dell'impianto in più circuiti è estremamente efficace per individuare rapidamente guasti o malfunzionamenti e permette inoltre di staccare la corrente solo ad alcune porzioni dell'impianto. In questo modo si potrà intervenire in sicurezza su di esso senza dover privare della corrente elettrica tutta l'abitazione.
Lo schema di un quadro elettrico è molto utile per comprendere la funzione di ogni singolo interruttore e, normalmente, viene compilato e fornito dal tecnico installatore insieme allo schema dell'intero impianto elettrico della casa.

Quanto costa un quadro elettrico?

Il prezzo di un quadro elettrico varia sulla base di diversi fattori come le sue dimensioni e il numero dei suoi componenti. Anche la tipologia di involucro fa oscillare il prezzo finale del quadro elettrico.
Si intende con involucro il contenitore esterno che protegge il quadro elettrico da eventuali infiltrazioni d'acqua, fulmini e manomissioni. Ovviamente se il quadro elettrico è posizionato all'esterno di un edificio avrà bisogno di un involucro più robusto e adatto a proteggerlo dagli agenti atmosferici.
I soli interruttori da inserire nel quadro elettrico (salvavita compreso) hanno un prezzo variabile tra i 20 e i 100 Euro, mentre il prezzo di un quadro elettrico da esterno oscilla tra i 50 e i 100 Euro.
Il montaggio del quadro elettrico dev'essere sempre eseguito da un professionista, che dovrà rilasciare una dichiarazione di conformità alle norme CEI sia all'atto della prima installazione sia in occasione di ogni singolo intervento di riparazione eseguito sul quadro.
Val la pena puntualizzare che se l'impianto e il quadro elettrico non sono a norma non è possibile ottenere le certificazioni in grado di attestare l'agibilità dell'abitazione.