Agevolazioni

Crollo del Ponte Morandi

Proroga della scadenza delle fatture, azzerate le spese di disattivazione ed attivazione delle forniture e le procedure di morosità.

Per fornire un sostegno concreto alle famiglie ed agli esercizi commerciali coinvolti nel crollo del Ponte Morandi, Iren rammenta di aver provveduto immediatamente, fin dal 17 agosto scorso, a prorogare i termini di pagamento di tutte le fatture gas, energia elettrica e acqua con scadenza dal 14 agosto 2018, secondo l’impostazione poi confermata dalla Delibera 442/2018 dell’ARERA approvata in data 30 agosto 2018.

Inoltre si comunica che sono state sospese fino alla fine dello stato di emergenza tutte le procedure di morosità, anche già avviate, nei confronti dei cittadini colpiti dal crollo, così come poi stabilito dalla delibera ARERA.

Come misura aggiuntiva, per semplificare al massimo il trasferimento delle famiglie nelle nuove abitazioni messe a disposizione per gli sfollati, sono state previste procedure accelerate per l’apertura delle forniture ed anche per queste attività non saranno addebitate le spese amministrative previste.

Inoltre, in applicazione della delibera 442/2018, le nuove forniture ad uso domestico così attivate saranno assimilate alla categoria di utenze domestiche residenti.

Le misure descritte trovano applicazione per tutta la durata dello stato di emergenza (attualmente prevista una durata di 12 mesi dal crollo- fino al 14 agosto 2019).

Si è inoltre provveduto alla chiusura, senza alcun onere per i clienti, di tutti i contratti di fornitura alle utenze interessate dal crollo, anche al fine di evitare la maturazione delle quote fisse. 

Le proroghe di pagamento e tutte le sospensioni di cui sopra saranno applicate in automatico, senza bisogno di alcuna segnalazione da parte degli interessati, a tutte le utenze dichiarate inagibili, censite in collaborazione con il Comune di Genova.

 

Sisma 2016

Rateizzazione delle bollette gas ed energia elettrica per i Comuni colpiti dal sisma del 24 agosto 2016 e successivi

L’Autorità di Regolazione per l’Energia Reti ed Ambiente (ARERA), con la Delibera n. 810/2016/R/com del 28 dicembre 2016 e successive, ha fissato le modalità di rateizzazione degli importi relativi a forniture gas ed energia elettrica che sono state oggetto di sospensione dei pagamenti in relazione agli eventi sismici del 24 agosto 2016, 26 ottobre 2016, 18 gennaio 2017 e 21 agosto 2017.

In particolare, la Delibera 587/2018/R/com ha aggiornato la normativa prevedendo la possibilità di sospendere i pagamenti fino al 1 gennaio 2020 per i Clienti la cui abitazione sia stata dichiarata inagibile (fino al 31 dicembre 2020 per le “zone rosse”).

La società di vendita dovrà recuperare nel periodo che va dal 1 gennaio 2020 al 31 marzo 2020 – con fattura unica – eventuali fatturazioni o conguagli sospesi, prevedendo però una rateizzazione automatica degli importi stessi.

La fattura unica, infatti, va rateizzata:

  • in quote non cumulabili di importo costante;
  • senza interessi a carico del Cliente;
  • in 36 mesi, a decorrere dalla data di emissione della fattura unica;
  • coerentemente con la periodicità di fatturazione applicata al Cliente.

A meno che il Cliente non preferisca provvedere al pagamento senza rateizzazione o con un piano rate migliorativo concordato con Iren Luce Gas e Servizi, sono previsti piani rate con queste caratteristiche:

  • rate non inferiori a 20,00€;
  • previsti solo se l’importo complessivo da rateizzare è almeno di 50,00€.

Il piano di rateizzazione sarà comunicato al Cliente contestualmente alla fattura unica.

Ricordiamo, infine, che i Clienti possono comunicare ad Iren Luce Gas e Servizi eventuali indirizzi diversi per la spedizione delle fatture chiamando il numero verde 800-969696 oppure utilizzando le funzionalità disponibili nello sportello on line ClickIren.

Tariffa sperimentale pompa di calore

Tariffa sperimentale per utilizzo pompe di calore per riscaldamento individuale

Per tutti i clienti domestici che per il riscaldamento individuale dell'abitazione di residenza utilizzano unicamente pompe di calore elettriche, dal 1 luglio 2014 l'Autorità di Regolazione per l’Energia, Reti ed Ambiente (ARERA) consente di sperimentare una nuova tariffa (chiamata D1), relativa ai servizi di rete e agli oneri generali di sistema.

Ulteriori informazioni inerenti i requisiti e le modalità di adesione, la possibile convenienza economica in diverse situazioni e le imprese di vendita di energia elettrica che offrono questa opportunità sono disponibili sul sito ARERA 

 

SCARICA I MODULI:

Modulo per la richiesta di adesione alla sperimentazione tariffaria (articolo 3, comma 2,della deliberazione 205/2014/R/eel)

Asseverazione redatta da tecnico abilitato (necessaria qualora, oltre alla pompa di calore, sia presente anche un generatore alternativo).

Modulo per l’inoltro della richiesta di RINUNCIA alla sperimentazione tariffaria riservata a coloro che utilizzano pompe di calore elettriche come unico sistema di riscaldamento della propria abitazione di residenza (di cui all’articolo 8, comma 1, della deliberazione 8 maggio 2014, 205/2014/R/eel)