Aumento Luce e Gas?

Ecco perché si assisterà a un aumento dei prezzi nei prossimi mesi.

Nell’ultimo trimestre del 2021 i media hanno parlato di un aumento significativo dei prezzi dell’energia e del gas, aumento che, inevitabilmente, andrà a impattare sulle bollette delle famiglie e delle imprese italiane, che vedranno crescere in maniera rilevante i costi per queste voci.
Tali aumenti, peraltro, non impatteranno su chi abbia già optato, sul mercato libero, per le offerte a prezzo fisso che, di fatto, manterranno il prezzo scelto per la durata prevista contrattualmente (tipicamente, 1 o 2 anni).

Ma andiamo a vedere nel dettaglio il perché del rincaro della luce e del gas

Come ha sottolineato il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, questo “succede perché il prezzo del gas a livello internazionale aumenta, e perché aumenta anche il prezzo della CO2 prodotta".
Di fatto, quindi, i prezzi aumentano perché costano di più le materie prime, in particolare il gas, per le quali l’approvvigionamento europeo dipende dall’estero.
Il gas è da sempre una delle fonti più utilizzate per la produzione di energia, basti pensare che, in Italia, quasi metà dell’energia elettrica viene prodotta attraverso questa fonte energetica.
Se si tiene in considerazione che, di recente, è stata registrata una crescita della domanda del gas che ha superato l’offerta erogabile, si trova un ulteriore elemento che causa l’aumento del prezzo della materia.
In secondo luogo, contribuiscono al rincaro anche gli alti prezzi dei permessi di emissione di CO2: le aziende che producono anidride carbonica, infatti, devono pagare per questa attività, e i prezzi di acquisto dei permessi incidono poi sul costo della produzione dell’energia elettrica.
Potremmo dire, in sintesi, che in questa fase stanno emergendo i costi della transizione energetica: le fonti fossili sono penalizzate a causa dell’impatto ambientale che generano e d’altro canto sono ancora imprescindibili per soddisfare la domanda energetica europea che ha ripreso a crescere in contemporanea alla ripresa economica in essere.

Quali sono quindi i fattori che hanno portato ad una crescita della domanda del gas?

Uno dei fattori che ha inciso maggiormente è sicuramente la ripartenza dei settore produttivi post pandemia.
Le aziende, infatti, hanno ripreso le loro attività con un conseguente aumento della richiesta dell’energia in tempi strettissimi.
Questa domanda in forte crescita non ha trovato altrettanta disponibilità di offerta: le scorte dello scorso inverno erano state consumate, e la Russia ha ridotto le esportazioni verso l’Europa a favore dei Paesi asiatici, con la conseguente crisi energetica in corso.

Chi comunica le variazioni dei rincari Luce e Gas?

In Italia, i prezzi del gas e dell’energia sul mercato tutelato sono fissati all'inizio di ogni trimestre da Arera, l'Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente.
Oggi, a causa dei fattori sopraindicati, l’ARERA impone prezzi significativamente più alti rispetto ai trimestri precedenti, di conseguenza, le condizioni economiche variano anche per i consumatori finali.
Al prezzo della materia prima si vanno comunque ad aggiungere i costi relativi  al dispacciamento, al trasporto, alla gestione del contatore, agli oneri di sistema, che costituiscono parte integrante del prezzo finale dell’energia e del gas.

Come difendersi dall’aumento dei costi di Luce e Gas?

Inevitabilmente, a causa dell’aumento dei costi della materia prima, troveremo maggiorate sia le tariffe che dipendono dall’ARERA, sia i prezzi del mercato libero. I clienti che hanno scelto il mercato libero nel corso dei mesi scorsi però hanno avuto la possibilità di fissare condizioni di prezzo precedenti al rialzo che oggi li preservano dagli aumenti e gli generano grandi sconti.
Anche il Governo sta attuando, in questo contesto di mercato così anomalo, diverse misure di sostegno sia per le imprese che per i privati quali ad esempio l’erogazione di un bonus automatico per le famiglie non abbienti, nonché sta lavorando a possibili altri interventi normativi.
Anche gli operatori di mercato stanno proponendo soluzioni che tutelino il consumatore finale. Iren luce gas e servizi ha messo sul mercato offerte specifiche per difendersi dall’aumento della luce e del gas, che fissano il prezzo dell’energia e del gas, in modo da proteggere le famiglie da ulteriori aumenti.
Inoltre, per chi è ancora in regime di maggior tutela, quindi più esposto alle oscillazioni di mercato riprese dalla tariffa ARERA, l’azienda ha dedicato un’offerta specifica, Prezzo Fisso&Basso, che propone uno sconto importante sulla componente energetica fissata dall’ARERA e lo mantiene per 1 anno.
Tra gli strumenti messi a disposizione dall’azienda, è da sottolineare la rateizzazione che, nei casi più critici è concessa a condizioni molto favorevoli. I punti di contatto, poi (sportelli, store e call center) sono a disposizione per individuare le migliori opportunità da offrire alla clientela.